Perché ce l’ho su col paradosso della tartaruga?

di | 8 Gennaio 2022

Qualcuno mi ha fatto notare che, quando parlo dell’inutilità dello studio della filosofia negli istituti non liceali, me al prendo spesso col paradosso di Achille e della tartaruga, e che tale paradosso viene insegnato anche nelle facoltà scientifiche, quindi non dovrebbe essere oggetto della mia ira.

La ragione è invece proprio quella, o meglio, il come viene insegnato. Comprensibilmente, esattamente come i liceali hanno pochi contatti con, chessò, telecomunicazioni, io come tecnico ho avuto pochi contatti con la filosofia, e mi è capitato più volte di sentire liceali che spiegavano tale paradosso come semplice esempio della disciplina.

E come lo spiegavano, cari miei…

Ora, di solito, nel mondo STEM, il paradosso viene spiegato con le serie convergenti, o comunque con una spiegazione logica del perché questa visione del mondo è errata.

Gli studenti di filosofia, invece? Mi spiegavano il paradosso e basta.

“Eh, praticamente il paradosso dice che Achille fa questo e la tartaruga quello”. E nessuno che mi ha mai spiegato perché il paradosso è evidentemente falso.

Ecco, secondo voi spiegare dei paradossi senza spiegare il perché lo siano “ti insegna a pensare” o ti insegna solo come pensavano all’epoca, una cosa che può avere una certa utilità in determinati contesti, ma non è sicuramente un’abilità necessaria nella vita di chiunque?

Davvero, secondo voi è meglio conoscere la convergenza senza sapere il paradosso della tartaruga o l’inverso? E, soprattutto, davvero chi sa programmare, costruire reti o ideare circuiti ha bisogno di sapere queste cose per imparare a pensare?

Per questo critico molto il paradosso della tartaruga nell’ambiente liceale: è la dimostrazione di un malsano modo di insegnare umanistico, dove impari tanto su cosa pensavano gli altri, ma mai come pensare tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *